Condividi LA FESTA PATRONALE DI SANT'ADAMO ABATE
GUGLIONESI CULTURA
GUIDA AL PATRIMONIO ARTISTICO, STORICO E PAESAGGISTICO

Vent’anni fa, in occasione delle celebrazioni per la ricorrenza del “IX Centenario della Prima traslazione delle sacre reliquie di Sant’Adamo (3 giugno 1102-2002)”, la Parrocchia di Santa Maria Maggiore, in collaborazione con un comitato celebrativo, organizzò una serie di “lectio” sul tema “Obsculta, o fili…” (“Ascolta, o figlio…”, dal Prologo della Regola Benedettina) con la partecipazione di illustri storici e teologi della Chiesa.
A conclusione del ciclo di incontri culturali, per la ricorrenza di “Sant’Adamo d’ottobre o della vendemmia” (seconda domenica d'ottobre), l’arcivescovo di Lecce, mons. Cosmo Francesco Ruppi (dal 1980 già vescovo della Diocesi di Termoli e dal 1986 al 1989 vescovo della Diocesi di Termoli-Larino) il 13 ottobre 2002 intervenne alle solenni celebrazioni, anticipando dalle pagine del quotidiano “L’Osservatore Romano” una riflessione sulla figura di Sant’Adamo di Guglionesi nel contesto della pietà popolare.

[Nota storico-cultuale a cura di Luigi Sorella]


Un maestro di spiritualità entrato nella storia di una popolazione laboriosa

L’OSSERVATORE ROMANO [Venerdì 11 Ottobre 2002, pag. 6]

10 ottobre – Sant’Adamo da Guglionesi, cittadina del Molise

[Cosmo Francesco Ruppi / Arcivescovo di Lecce] - Non sono pochi gli Adamo riconosciuti santi e beati, come, tra gli altri, un Adamo Vescovo di Caithness martire del XIII secolo: un soldato, Adamo anche lui martire e non pochi beati sempre di nome Adamo, tra cui Adamo degli Adami, rinomato predicatore francescano, Adamo abate di Ebrach, Adamo di Locum in Westfalia e un altro Adamo di Fermo, che dopo un periodo di vita eremitica, vestì l’abito benedettino.

Tra i santi, che portano il nome del primo uomo, ve n’è uno, molto caro al popolo di Guglionesi, una ridente città del Molise, che proprio quest’anno (2002) celebra, con particolare solennità, il millenario della traslazione delle sue reliquie, avvenuta, secondo sparute cronache del tempo, il 3 giugno 1102, giorno in cui viene solitamente venerato col concorso di popolazioni viciniori. Quest’anno, però, proprio in questo mese, il bravo parroco del luogo, incoraggiato dal Vescovo di Termoli-Larino, ha voluto promuovere particolari festeggiamenti, per sottolineare il valore spirituale e storico di un evento che è entrato nella storia di quella laboriosa popolazione, per incoraggiare il cammino di fede e porre, all’inizio del terzo millennio, la sua figura come maestro di spiritualità e di impegno evangelico.

Di sant’Adamo da Guglionesi si sa poco o niente, ma si tratta con certezza di un personaggio storico, vissuto nel Sannio, le cui reliquie vennero portate in paese per rivelazione di un monaco di nome Benedetto.

Quando, come e dove visse il nostro sant’Adamo, non è dato di sapere, perché i buoni Bollandisti non ci offrono elementi concreti, all’infuori della sua esistenza come monaco e come santo. Forse era benedettino anche lui e forse apparteneva a quella schiera di monaci inviati dal Papa san Gregorio Magno ad evangelizzare il Mezzogiorno d’Italia ovvero, se appartenuto ai secoli posteriori, a quella fioritura di monaci e monasteri che pullularono in ogni angolo delle nostre regioni.

La tradizione vuole che la tomba di sant’Adamo esisteva dai tempi antiche a poca distanza da Guglionesi, ma se n’era perduta la memoria e la traccia. Sarebbe stato il monaco Benedetto, che avrebbe avuto una visione in cui si parlava di sant’Adamo, si indicava la tomba abbandonata e lo si invitava ad andare dai sacerdoti del luogo per farla recuperare e portare in onore tra la gente del posto.

La cosa sarebbe subito giunta all’orecchio dei preti e così – è sempre la tradizione – di notte venne recuperato il corpo del santo e portato processionalmente nella città di Guglionesi: a quella processione, che dette inizio al culto di sant’Adamo, parteciparono il Vescovo, i sacerdoti, i soldati e una gran folla di popolo.

Non è facile dar credito a siffatta tradizione, ma, storicità a parte, quel che è certo, è che il culto di sant’Adamo è antichissimo in quel paese molisano e la vicenda del santo monaco o eremita si è intrecciata con la storia civile del popolo, tanto da farne quasi un tutt’uno, come è accaduto per moltissime città e luoghi.

Rinvenire la tomba di un santo o, come in molti casi, trafugarla per imprimere un particolare pregio alla propria storia, era consuetudine comune a quei tempi, come attesta la storia non solo di san Nicola di Bari, ma anche dei santi martiri Larinesi, di san Pardo e numerosi santi dell’alto medioevo. La gente aveva bisogno del santo e, se non ce l’aveva sul posto, andava a prenderselo, a volte dove era negletto o trascurato, tal’altra addirittura ove era già onorato e festeggiato. Non mancano neppure i casi di “furti incrociati”, che fanno ridere gli storici di professione, ma che commuovono chi guarda a queste cronache con l’occhio indulgente della fede e della pietà popolare.

I santi sono necessari oggi più di ieri ed una città che ha il suo santo è una città che può sentire più forte l’invito alla santità fattoci da Giovanni Paolo II al termine del Grande Giubileo, quando ci ha invitato a “scommettere sulla santità”, e ci ha inviato a riproporre a tutti con convinzione questa «misura alta della vita cristiana» che è la santità (NMI 31).

Celebrare, dunque, una festa di santo è più ancora, come nel caso di sant’Adamo, ricordare il suo millenario, vuol dire non solo rafforzare il suo millenario, vuol dire non solo rafforzare il valore delle proprie tradizioni, ma sentirsi stimolati a camminare, come lui, sulla via della santità; una santità, che esce dal tempi e prende le strade del mondo, divenendo storia della stessa storia.

Anche il buon popolo molisano ha i suoi santi! Quel che conta, è che oggi ai santi di ieri, si aggiungano i santi di oggi. È questa la “pedagogia della santità” che il Papa ci ha raccomandato e che dobbiamo perseguire con tenacia tutti quanti, pastori e fedeli cristiani.

 

GUIDA ALLA SOLENNITà
 

Mercoledì
1 GIUGNO 2022

Stadio comunale ● Ore 16.30
TROFEO SANT'ADAMO
CALCIO, TORNEO FEDERALE "MEMORIAL NICOLINO CIANCI" - CATEGORIA "PRIMI CALCI"


Largo Garibaldi (Castellara) ● Ore 22.00
LE VIBRAZIONI IN CONCERTO



Guida alla Solennità patronale


L'apertura della Solennità patronale di Sant'Adamo prendeva il via con la fiera di Sant'Adamo, precedendo e seguendo di circa una settimana i giorni della festa (2-3 giugno). Oggi dell'antica fiera-mercato si mantiene in uso la data del 30 maggio, sebbene fino alla metà del XX secolo la fiera si svolgesse al mattino della vigilia, applicando al mercato del bestiame le esenzioni dalle tasse comunali, come da antichi statuti municipali.
L'apertura della festa patronale di Sant'Adamo di Guglionesi da alcuni decenni è affidata all'intrattenimento in piazza, con artisti prevalentemente della musica leggera italiana che si esibiscono in largo Garibaldi (Castellara).



Tra gli artisti che hanno animato la festività patronale di Guglionesi dal 2000 in poi:

2022 - Le Vibrazioni
2020/2021 - Sospensione pandemica
2019 - Giusy Ferreri
2018 - Dodi Battaglia
2017 - Bianca Atzei
2016 - Umberto Tozzi
2015 - Michele Zarrillo
2014 - Fabrizio Bosso
2013 - Cinzia Gizzi
2011 - Giuliano Palma*
2010 - Al Bano*
2009 - Giovanni Cacioppo
2008 - Checco Zalone
2007 - Gianni Togni
2006 - Mietta
2005 - Audio 2
2004 - Luca Barbarossa
2003 - Tullio De Piscopo
2002 - Stadio
2001 - I Cugini di Campagna
2000 - Ricchi & Poveri

* in collaborazione con altri comitati per le feste parrocchiali (Corpus Domini e Madonna del Carmelo) e il Comune di Guglionesi.
...

 

Giovedì
2 GIUGNO 2022

"Fonte di S. Adamo" ● Ore 7.00
ESPOSIZIONE DEL QUADRO DI SANT'ADAMO ALLA FONTE


Guida alla Solennità patronale


È la vigilia della festa patronale di Guglionesi, che venera come Santo Patrono l'abate benedettino Adamo (vissuto tra il 990 e il 1070 circa, secondo alcuni recenti studi storici probabile autorevole abate dell'abbazia benedettina di Santa Maria delle isole Tremiti).
Al mattino viene esposto il quadro di Sant'Adamo - opera artistica di Nicola Iacobitti da Palata (1932) - presso la fonte omonima, alla periferia di Guglionesi, dove, secondo la tradizione, il 3 giugno dell'anno 1102 sgorgò la sorgente d'acqua al passaggio delle reliquie del Santo Patrono, durante il tragitto della prima traslazione delle reliquie dalla chiesa di San Paolo in agro di Petacciato a Guglionesi. Con devozione cultuale i fedeli fanno visita alla fonte di Sant'Adamo.
Nel tardo pomeriggio, durante la rievocazione della prima traslazione, il quadro di Sant'Adamo (immagine della prima traslazione delle reliquie patronali) è condotto su un carro trionfale trainato da una coppia di buoi, per essere accolto dalla Cittadinanza in località "fuori porta".



Per il rito religioso, che si conclude nel vespro celebrato nella Collegiata di Santa Maria Maggiore, dalla fonte di Sant'Adamo un corteo in cammino catechesimale accompagna l'acqua e la luce di Sant'Adamo, simboli del rinnovo spirituale e della conversione cristiana nell'abbraccio generazionale all'intercessione patronale di Sant'Adamo di Guglionesi. Il corteo che accompagna il carro di Sant'Adamo è composto da coloro che nell'anno liturgico, da una festa patronale all'altra, ricevono il Sacramento di Cristo: gli sposi; i genitori che hanno chiesto il battesimo dei figli; i bambini che hanno vissuto la prima confessione e ricevuto la Prima Comunione; i giovani che hanno ricevuto la Cresima. Il Santo, dietro il corteo processionale, indica il cammino della santità.
...


Strade cittadine ● Ore 9.00
GIRO BANDISTICO DELLA CITTÁ DI LANCIANO "FEDELE FENAROLI"


Piazza XXIV Maggio ● Ore 12.00
MATINÉE BANDISTICO DELLA CITTÁ DI LANCIANO "FEDELE FENAROLI"
Diretto dal Maestro Michele Milone

PROGRAMMA MUSICALE


Cuore abruzzese
Marcia sinfonica di Giovanni Orsomando

L'AMICO FRITZ (Fantasia)
Pietro Mascagni



920a RIEVOCAZIONE DELLA PRIMA TRASLAZIONE DELLE RELIQUIE DI S. ADAMO ABATE (3 GIUGNO 1102-2022)

Piazza Municipio ● Ore 18.00
PARTENZA DEL CORTEO PROCESSIONALE CON LE AUTORITÁ CIVILI, RELIGIOSE E MILITARI E LA CITTADINANZA DI GUGLIONESI


Guida alla Solennità patronale


Partendo dal sagrato della chiesa di Santa Maria Maggiore, il comitato per la festa patronale e la banda musicale raggiungono la Casa comunale, dove le autorità municipali, il Sindaco, gli Amministratori e i Consiglieri comunali con il gonfalone istituzionale attendono fuori la porta del Municipio.
L'inno Fratelli d'Italia (di G. Mameli) suonato dalla banda musicale saluta la partecipazione civica della delegazione amministrativa di Guglionesi; dopo un cordiale scambio di saluti tra i rappresentanti, il corteo istituzionale insieme ai cittadini percorre le strade del centro storico al suono della banda musicale.



Sul sagrato della chiesa Madre avviene lo scambio dei saluti istituzionali tra le autorità municipali, Sindaco e Consiglieri, e le autorità religiose, Vescovo e Clero.



Si completa il corteo con tutte le autorità, religiose, civili e militari che insieme al popolo dei fedeli raggiunge processionalmente il "fuori porta" dove sarà accolto il carro trionfale di Sant'Adamo.
...


Località "fuori porta" ● Ore 18.15
SOLENNE ACCOGLIENZA DEL CARRO TRIONFALE


Guida alla Solennità patronale


A rievocazione della prima traslazione delle reliquie di Sant'Adamo, il carro trionfale recante il quadro di Sant'Adamo, addobbato a festa, trainato da una coppia di buoi e partito simbolicamente dalla fonte di Sant'Adamo (sita circa un chilometro dal paese) viene accolto, come da antico rito (per la 917a rievocazione storica e cultuale), in località "fuori porta", alle pendici del centro storico.



Il Sindaco saluta la cittadinanza; poi un lettore legge un brano dal racconto della prima traslazione delle reliquie del Santo Patrono tramandato dai Bollandisti e reperito a Napoli presso la biblioteca della famiglia Caracciolo, citando i momenti salienti di quel 3 giugno dell'Anno del Signore 1102. A conclusione della rievocazione storica il Vescovo diocesano, o un suo vicario, saluta il popolo e benedice il carro trionfale.



Il corteo, accompagnando processionalmente il carro trionfale, al canto dell'Inno di Sant'Adamo risale la strada principale del borgo antico per raggiungere la chiesa parrocchiale.
Così, da secoli, si perpetua il rito nell'accoglienza delle reliquie, con un abbraccio collettivo e generazionale, rivivendo con filiale devozione il passo conclusivo del racconto storico dei Bollandisti: "...senza più indugiare tutti i Sacerdoti, i Chierici e i Cittadini di Guglionesi si radunarono, e uscirono loro incontro processionalmente, e con molte lagrime di tenerezza: e così introdussero in Città quel santissimo Corpo con molti cantici, inni, e preci; e poi con massima venerazione lo deposero nella Chiesa della Madre di Dio, Maria.
Or tutto questo avvenne nell'anno dell'Incarnazione del nostro Signore Gesù Cristo mille cento due, decima Indizione, nella mattina del terzo giorno del mese di Giugno
".
...


Chiesa di Santa Maria Maggiore ● Ore 18.30
INTRONIZZAZIONE DELLA STATUA DEL SANTO PATRONO E SANTA MESSA*
* Presieduta da S. E. Mons. Gianfranco De Luca, Vescovo della Diocesi di Termoli-Larino


Guida alla Solennità patronale


Giunto il corteo processionalmente nella chiesa Madre, una gran folla attende il momento più intenso dell'anno nell'identità collettiva e generazionale della comunità cristiana di Guglionesi.
Le autorità religiose, civili e militari, insieme con il comitato per la festa patronale scendono nella cripta romanica della chiesa di Santa Maria Maggiore, dove il 3 giugno dell'Anno del Signore 1102 furono deposte le reliquie del Santo Patrono. Nella stessa cripta si conserva il busto reliquiario in argento (oltre 31 Kg di argento 900/1000) raffigurante la mezza figura del Santo Patrono in atto benedicente, opera d'arte realizzata nel 1886 dalla Fonderia Romana Artistica ed Industria Alessandro Nelli di Roma, e benedetta il 1° giugno del 1886 dal Sommo Pontefice Leone XIII.
Dopo un breve raccoglimento nella cripta, alcuni membri del comitato prelevano la statua argentea per condurre il prezioso reliquiario all'intronizzazione nel presbiterio, tra gli applausi e la commozione del popolo dei fedeli, il suono a festa della campana di Sant'Adamo (del peso di circa dieci quintali, realizzata nel 1895 dalla Pontificia Fonderia Marinelli di Agnone, e per la sua mole fu fusa a Guglionesi nel cortile del palazzo ducale dei D'Avalos-Caracciolo) e la coinvolgente marcia musicale del Mosè di Gioacchino Rossini.



Il Sindaco e un membro più anziano del comitato portano presso la sede dell'intronizzazione l'acqua e la luce di Sant'Adamo, simboli del rinnovamento cristiano e condotti insieme al carro di Sant'Adamo, che, nel frattempo, sosta presso il sagrato della chiesa Madre.



Intronizzato il reliquiario del Santo Patrono sopra il baldacchino predisposto all'angolo del presbiterio, il Sindaco (a rievocazione di un'antica consuetudine per la quale il Comune di Guglionesi offriva i ceri per la cappella del Santo Patrono) accende i ceri presso l'altare di Sant'Adamo, dove è collocata l'opera d'arte La Messa di Sant'Adamo (opera di Pietro Bardellino, 1796).
Incensato solennemente il reliquiario al canto del coro parrocchiale, ha inizio la Santa Messa vespertina dedicata al Santo Patrono di Guglionesi, presieduta dal Vescovo diocesano o da un suo vicario.
...


Casa municipale ● Ore 19.45
RICEVIMENTO DELLA CITTADINANZA IN MUNICIPIO


Guida alla Solennità patronale


Al termine della messa vespertina dedicata al Santo Patrono di Guglionesi, il corteo delle autorità civili e militari si ricompone dietro il gonfalone municipale per raggiungere, accompagnato dal comitato per la festa patronale e dalla banda musicale, la Casa comunale, dove si tiene il ricevimento che rievoca l'antico pranzo offerto ai poveri dignitari della Congregazione del Santo Protettore.



Dinanzi alle porte del Municipio la banda musicale solennizza l'arrivo del corteo municipale suonando l'inno Fratelli d'Italia, composto da Goffredo Mameli.
...


Piazza XXIV Maggio ● Ore 21.30
CONCERTO BANDISTICO DELLA CITTÁ DI LANCIANO "FEDELE FENAROLI"
Diretto dal Maestro Michele Milone

PROGRAMMA MUSICALE


A voi brontoloni
Marcia sinfonica di Ernesto Abbate

FANTASIA DI BRANI DI MUSICA LEGGERA
Autori vari
 

 

Venerdì
3 GIUGNO 2022

Chiesa di Santa Maria Maggiore ● Ore 9.00
SANTA MESSA PER LA FESTA PATRONALE


Guida alla Solennità patronale


L'Inno di Sant'Adamo è intonato e cantato dai cori parrocchiali, dai fedeli e dai devoti in ogni Santa Messa dedicata al Santo Patrono e durante le processioni del 2 e 3 giugno.
L'Inno di Sant'Adamo fu composto negli anni Settanta del secolo scorso, con le parole di Pasqualino Caruso e le musiche del M° Luigi Picchi.
Nel tempo, dell'inno patronale sono state prodotte versioni con variazioni tipografiche delle parole (da Usconio a Guglionesi, per esempio), riducendo, in alcune cartoline dell'inno, talvolta, anche il numero delle strofe.
Di seguito la versione completa delle otto strofe originali composte dall'autore.
...

INNO DI SANT'ADAMO

1. Un inno di fervido amore
s’innalzi al Celeste Patrono;
Lassù, nel Suo fulgido trono,
ascenda la prece del cuor.

Rit. Deh! Stendi, Adamo Santo,
la man paterna ancor,
nel Ciel seguirTi accanto
potremo col Tuo amor.


2. D’Usconio la giovane vita,
T’invoca festosa, fremente;
in Te, dolce Padre, già sente
de’ cieli, l’eterno gioir.

3. Al secol di tenebre orrende
di Dio Tu desti l’amore,
pregando, vincesti l’errore
nel cuor del Tuo fedel.

4. Su questa collina fiorita,
Tu sempre splendesti qual face,
or giungi ricolmo di pace
all’alme che speran in Te.

5. Un dolce desio c’infiamma:
poter pregar sulla Tua Tomba!
Usconio quel dì si circonda
di grazie infinite per Te.

6. Nell’ore del duro periglio
a noi rimani vicino,
ci guidi per l’aspro cammino
l’esempio del Tuo valor.

7. Le grazie di Cristo vogliamo
copiose, su questa tua Terra,
d’un puro desio s’inserra
il core del Tuo fedel.

8. E quando la vita ci fugge,
a Te grideremo sicuri:
la Patria dei gaudi futuri
per Te sol potremo goder.
...


Strade cittadine ● Ore 9.00
GIRO BANDISTICO DELLA CITTÁ DI LANCIANO "FEDELE FENAROLI"


Piazza XXIV Maggio ● Ore 12.00
MATINÉE BANDISTICO DELLA CITTÁ DI LANCIANO "FEDELE FENAROLI"
Diretto dal Maestro Michele Milone

PROGRAMMA MUSICALE


Vita pugliese
Marcia sinfonica di Giuseppe Piantoni

CAVALLERIA RUSTICANA (Fantasia)
Pietro Mascagni


SOLENNE PROCESSIONE PER LE STRADE CITTADINE

Chiesa di Santa Maria Maggiore ● Ore 17.30
SANTA MESSA* PER LA FESTA PATRONALE


Ore 18.30
PROCESSIONE E BENEDIZIONE DELLA CITTÁ DI GUGLIONESI


Guida alla Solennità patronale


È il giorno della festa. La mattina si celebrano le Sante Messe, la banda musicale percorre le vie della cittadina terminando la mattinata con un breve concerto nella piazza del sagrato della chiesa di Santa Maria Maggiore.
La festa patronale del 3 giugno culmina con la solenne processione che si svolge tra le strade cittadine, subito dopo la Santa Messa vespertina. Dalle varie chiese di Guglionesi sono aggregate al corteo processionale molti santi venerati nella comunità parrocchiale.



Giunta la statua argentea del Santo Patrono nel luogo ("fuori porta") dove il giorno prima, durante la rievocazione storica della prima traslazione delle reliquie, era stato accolto il carro trionfale, il vicario parrocchiale impartisce la solenne benedizione della Città di Guglionesi invocando l'intercessione e la protezione del Santo Patrono di Guglionesi, elevando al cielo un reliquiario (contenente un frammento del cranio di Sant'Adamo) ad ostensorio in argento sbalzato e cesellato, dono devozionale di Cosima Antonia Caracciolo, duchessa di Celenza e di Guglionesi, e databile alla metà del XVIII secolo.



La processione prosegue per viale Regina Margherita (nel gergo popolare "lungomare"), Portanova, risale il Portello e fa il suo rientro nel borgo antico per raggiungere il sagrato della chiesa Madre. Come un grande abbraccio collettivo, le statue dei santi vengono disposte frontalmente alla facciata barocca della chiesa parrocchiale, concludendo il rito con la benedizione del Parroco. Tra lo scoppio di mortaretti, i suoni delle campane in festa, la "grande voce angelica" della campana di Sant'Adamo e della banda musicale il busto argenteo di Sant'Adamo rientra nella chiesa della Collegiata.



La statua del Santo Patrono è portata in processione nella festività di Sant'Antonio di Padova (13 giugno), in occasione dell'ottava della solennità patronale.
...


Piazza XXIV Maggio ● Ore 21.15
CONCERTO BANDISTICO DELLA CITTÁ DI LANCIANO "FEDELE FENAROLI"
Diretto dal Maestro Michele Milone

PROGRAMMA MUSICALE


A tubo
Marcia sinfonica di Ernesto Abbate

1812 (Overture solennelle, op. 49)
Pyotr Iluch Tchaikowvshy

LUCIA DI LAMMERMOOR
Gaetano Donizetti

NORMA
Vincenzo Bellini

AIDA
Giueppe Verdi

Solenne reposizione in cripta del reliquiario del Santo Patrono.


Ore 0.00
SPETTACOLO DI FUOCHI PIROTECNICI


Info e variazioni del programma: www.guglionesi.com
In caso di pioggia gli eventi culturali si svolgeranno al teatro comunale "Fulvio".

 


Testi e fotografie della Guida alla Solennità patronale*

 

 

 


* Cfr. Gerardo Cioffari e Luigi Sorella, Sant'Adamo di Guglionesi. Abate nel monastero benedettino delle isole Tremiti. Aspetti storici, critici e cultuali dall'XI al XXI secolo, TracciAntica Palladino Editore, Campobasso, 2005.

GUGLIONESI CULTURA
. GUIDA AL PATRIMONIO ARTISTICO, STORICO E PAESAGGISTICO
Progetto di comunicazione culturale a cura di Luigi Sorella

 


Organizzazione della festa patronale di Guglionesi

PARROCCHIA DI SANTA MARIA MAGGIORE
DI GUGLIONESI

COMUNE DI GUGLIONESI

COMITATO FESTA PATRONALE
SANT'ADAMO ABATE


 


Sito offerto da FUORI PORTA WEB

ARS IDEA STUDIO

Tel. +39 0875 681040 ● P. IVA 01423060704
in collaborazione web con www.guglionesi.com
Comunicazione, grafica, fotografia e web di Luigi Sorella